Arriva la primavera e porta con sè due certezze.....

Dopo un inverno interminabile ed una primavera balbettante che tarda ad esplodere con i suoi colori ed i suoi profumi, è sufficiente che esca una bella giornata di sole per consentire a due categorie di esseri viventi di manifestarsi e ricordare a tutti della loro esistenza.

Quali sono?

La prima sono i ciclisti.

O cicloamatori, o cicloturisti o come li vogliamo chiamare insomma.

Me ne sono accorto qualche giorno fa quando durante il mio consueto giro dei clienti percorrendo una strada provinciale ad alto scorrimento mi sono imbattuto in un gruppetto di 6-7 ciclisti in ordine sparso.

Per ordine sparso intendo ai 25-30 Km/h rigorosamente NON in fila indiana mentre occupando allegramente l'intera carreggiata se la raccontavano impedendo il sorpasso ai poveri disgraziati, me compreso, che li seguivano. 

Anche perchè dall'altra parte, nella corsia di senso contrario, passavano le macchine ( come è normale che sia su una strada provinciale ad alto scorrimento ).

Adesso non voglio fare quello che odia i ciclisti, anzi, al contrario ho grande rispetto per loro e per la fatica che fanno ( ed i rischi che corrono, va detto anche questo ) per coltivare la loro passione. 

Però ragazzi, cerchiamo di andare in fila indiana uno dietro l'altro senza far salire istinti incontrollabili a chi è dietro di voi, che magari sta lavorando, che magari ha un'urgenza, e che gradirebbe andare almeno a 50 Km/h per raggiungere il proprio cliente che lo sta aspettando.

Ah! su Facebook ho trovato questa immagine che ci sta a pennello  

Ma sappiate che vi voglio bene, in particolare quando siete in gruppi dispari ma meno di tre o se siete in fila indiana e vi si può superare. Credetemi.

Dicevamo di due categorie di esseri viventi che si manifestano al primo sole di primavera.

La prima abbiamo detto che sono i nostri amici in bicicletta, la seconda ben più fastidiosa:

sono le mosche.

La differenza tra gli uni e le altre ( presenza numerica a parte ) è che i ciclisti non puoi eliminarli - e ci mancherebbe altro - mentre le mosche si.

Se hai il problema delle mosche che stressano te ed i tuoi clienti, e non riesci a liberartene, c'è un rimedio efficace, sicuro, certificato HACCP e a prova di bomba per risolvere in modo definitivo il fastidiosissimo problema della presenza di mosche nel tuo locale.

Devi fare semplicemente quello che ha fatto Vilma del Bardabea di San Martino in Pedriolo.


Come ha risolto Vilma? Puoi scoprirlo cliccando qui